Una delegazione istituzionale dello Yunnan, provincia a Sud Ovest della Cina, al confine con Vietnam e Laos, oggi pomeriggio ha visitato la sede della Confederazione italiana agricoltori di Torino per individuare potenziali opportunità di collaborazione sul fronte agricolo.

Porta di accesso strategico all’Oriente meridionale, lo Yunnan vive una stagione di grandi investimenti infrastrutturali e imprenditoriali, con notevole sviluppo nei settori dell’agricoltura e del turismo. In particolare, lo Yunnan produce caffè, thè, fiori, noci, mais, riso, patate e erbe medicinali, mentre ricerca prevalentemente competenze e tecnologie da sviluppare in ambito biologico, oltre a frutta e latte.

I rappresentanti cinesi erano guidati dal direttore dell'Ufficio Cooperazione per gli Investimenti della Provincia di Yunnan, Yuan Fengbin, e da Huang Jing, general manager della Kunming Agricultural Development Investment, società di proprietà dello Stato impegnata in diversi progetti di industrializzazione dell’agricoltura, dalle bonifiche idriche alla ricomposizione fondiaria.

Al tavolo dell’incontro, per la Cia di Torino sono intervenuti il presidente Roberto Barbero, con il vicepresidente Pierangelo Cena, insieme alla direttrice entrante Elena Massarenti e al direttore uscente Franco Amatuzzo.

«Renderemo le nostre aziende partecipi degli stimoli emersi nella riunione – commenta il presidente Barbero -, l’impegno con la delegazione cinese è di valutare la possibilità di organizzare una piattaforma di collaborazione su temi di reciproco interesse, non escludendo il coinvolgimento dell’associazione dei grossisti ortofrutticoli».