Ha riscosso, come sempre, un grande successo la 523° edizione della Fiera Franca di Oulx, un appuntamento storico per gli allevatori dell'Alta Val Susa che affonda le radici nella storia del XV secolo. Anche quest'anno la Cia - Agricoltori Italiani di Torino è stata partner della manifestazione. 

Il clou della Fiera, svoltasi sabato 30 settembre e domenica 1 ottobre, è stata la tradizionale esposizione zootecnica nella quale gli allevatori della valle hanno fatto sfilare i propri capi bovini, ovini e caprini; un momento culminato poi con la consueta premiazione dei capi migliori. La Rassegna Zootecnica, inserita nella Fiera a partire dal 1983, segna il riconoscimento più importante per gli allevatori del territorio e sancisce idealmente il passaggio tra le stagioni con le mandrie e le greggi che tornano a valle dopo l'estate passata in alpeggio. 

Nella due giorni il pubblico ha avuto la possibilità di gustare sapori tipici locali e acquistare i prodotti del territorio, oggetti e manufatti di artigianato e curiosare tra le varie bancarelle allestite lungo le vie centrali del borgo valsusino.  

La Cia torinese è stata rappresentata per l'occasione dal vicepresidente regionale Gabriele Carenini e dal presidente provinciale Roberto Barbero, che hanno premiato gli allevatori consegnando il tradizionale campanaccio.