Si è tenuta lunedì 19 settembre, presso il centro congressi Torino Incontra, la premiazione dei Maesti del Gusto di Torino e Provincia 2017-2018, la selezione realizzata ogni due anni dalla Camera di Commercio di Torino che segnala i produttori più rappresentativi del gusto torinese.

Dalla prima edizione del 2002 i Maestri del Gusto sono oggi saliti a 182 tra produttori, agricoltori, commercianti e artigiani divisi in 26 categorie di cui 3 nuove (aceterie, produttori di oli e vermut). 

Non mancano ovviamente anche produttori e agricoltori della Cia - Agricoltori Italiani di Torino, alcuni dei quali vedono confermato di anno in anno il riconoscimento dei propri prodotti e processi produttivi. 

Quest'anno in particolare sono stati premiati Cascina Fontanacervo - Maestri del Gusto da 10 anni - il Birrificio Castagnero di Rosta, alla sua prima premiazione, l'azienda agricola Naturalmente di Maurizio Donna D'Oldenico che a Ceres produce mirtilli bio, composte e succhi di puro frutto insieme alla moglie Claudia, l'azienda agricola Terre Sparse di Matteo Trompetto che a Chiaverano coltiva piccoli frutti, succhi, trasformati e vini come il Canavese Rosso, il Canavese Nebbiolo e l'Erbaluce e l'azienda vinicola Rossotto che a Cinzano produce Freisa Chieri, Collina Torinese Bonara, Collina Torinese Barbera, Collina Torinese Malvasia e Collina Torinese Rosso oltre a due Doc astigiane come Il Piemonte Cortese e il Piemonte Barbera.