Questa mattina, la Cia - Agricoltori Italiani del Piemonte e Confagricoltura Piemonte hanno organizzato un presidio in via Roma angolo piazza Castello, a Torino, per denunciare le insostenibili condizioni dei produttori di grano, fortemente penalizzati dal vertiginoso crollo dei prezzi del frumento e dalle importazioni. 

Cia e Confagricoltura hanno distribuito circa 100 chilogrammi di pane per sensibilizzare l'opinione pubblica sul tema. Oggi infatti 100 chili di frumento valgono quanto 5 chili di pane e il prezzo del frumento duro è sceso a 18,4 € alla tonnellata (il 43% in meno rispetto allo scorso anno). Dati che diventano ancora più allarmanti se rapportati alla situazione di 10 anni fa quando il frumento veniva quotato a 18.5 euro al quintale (oggi vale 14 euro a quintale). 

Cia ha proposto il blocco delle importazioni per almeno due settimane così da dare una boccata di ossigeno al settore e ha chiesto interventi urgenti per risolvere una situazione che vede i produttori ottenere remunerazioni di molto inferiori ai costi di produzione. 

La Cia di Torino inoltre ringrazia l'assessore all'Agricoltura della Regione Piemonte Giorgio Ferrero e i consiglieri regionali Daniela Ruffino e Alfredo Monaco per la partecipazione alla manifestazione di questa mattina.