Separare il vino da tutto ciò che è genericamente alcolico e approvare entro marzo 2016 una normativa quadro per il settore vinicolo. Questa è la sfida della Commissione Agricoltura della Camera dei Deputati che conta di presentare il Testo Unico sulla disciplina organica della coltivazione della vite, della produzione e commercializzazione nel corso della prossima edizione del Vinitaly.

A dare l’annuncio è stato, in occasione del Wine2Wine a VeronaFiere, Luca Sani, deputato del Partito Democratico e presidente della Commissione. Dopo un lungo iter legislativo il testo è tornato in discussione oggi e potrebbe essere definitivamente approvato a breve.

 

Tutto è partito dalla necessità di aggiornare una normativa che risultava troppo datata e farraginosa e lo scopo del Testo Unico è proprio quello di snellire e incorporare tutte le norme riferite al comparto evitando ripetizioni e incomprensioni. Il nuovo testo normativo si occuperà di diversi aspetti legati alla produzione del vino e contribuirà a rendere più competitivo un settore che rappresenta, con 14 miliardi di euro di fatturato, uno dei cardini fondamentali dell’agroalimentare italiano.