Disoccupazione agricola e assegni familiari, gli Uffici di Cia Torino a disposizione per la compilazione

Al fine di dare assistenza più completa e comoda possibile, nei mesi di febbraio-marzo 2018, sarà possibile presso gli uffici di Cia Torino ricevere assistenza per la compilazione e la presentazione della “Domanda di indennità di disoccupazione agricola e/o di assegno per il nucleo familiare agli operai a tempo determinato anno 2018”. Ecco il calendario delle aperture, con relative sedi e orari.

Leggi tutto...

Premiati a Palazzo di Città i vincitori del Concorso fotografico sui mercati contadini di Cia Torino

Chiara Lombardo di Torino (premio giuria Cia Agricoltori italiani), Sara Principe di Torino (premio giuria popolare) e Fabio Hexis di Moncalieri (premio giuria tecnica) sono i tre vincitori del concorso fotografico “Cogli l’attimo… della spesa in campagna”, organizzato dalla Cia Agricoltori italiani di Torino, con il patrocinio della Città di Torino.

Leggi tutto...

Allarme lupi tra le case a Villar Pellice, la politica non può più rimanere a guardare

«Siamo a disposizione degli allevatori di Villar Pellice e garantiamo loro e alla sindaca Lilia Garnier tutto il nostro impegno e appoggio perché l’emergenza dei lupi venga al più presto presa in considerazione dalle autorità competenti, prima che sia troppo tardi, come da anni invochiamo in tutte le sedi».

Roberto Barbero, presidente di Cia – Agricoltori italiani di Torino, rilancia l’allarme sui predatori che ormai spadroneggiano nel Torinese, dopo che lunedì sera, all’ora di cena, due lupi sono stati visti circolare sulla strada comunale, pienamente illuminata, in borgata Piantà di Villar Pellice.

Leggi tutto...

La prima volta di Buratto a Bruxelles: "La Cia in Europa ha un'ottima squadra, il mio impegno è per gli allevatori"

La prima volta di Roberto Buratto nei Palazzi dell’Europa a Bruxelles ha il sapore della sorpresa e dell’entusiasmo. L’allevatore di San Carlo Canavese, delegato nazionale di Cia Agricoltori italiani nel gruppo di lavoro europeo del Copa Carni Bovine, è partito alla volta del Belgio carico di buona volontà, ma non senza qualche diffidenza. Si sa che l’Europa solitamente suona male all’orecchio dell’agricoltore, che fatica ad abituarsi all’euroburocrazia. Ma nel caso di Buratto, l’impatto non può dirsi negativo: «L’Europa un carrozzone? Per adesso non posso dirlo, ho ascoltato solo interventi interessanti. Certamente si tratta di un osservatorio privilegiato, con un campo visivo molto allargato».

Leggi tutto...