I controlli effettuati dalle competenti Asl (Spresal) sul territorio della Provincia di Torino nei mesi da giugno ad ottobre 2018, hanno evidenziato la necessità di verificare la presenza in azienda di una serie di documenti obbligatori, in assenza dei quali si incorre in procedimenti e sanzioni talvolta anche di una certa rilevanza.

«Sappiamo che la burocrazia in materia di sicurezza sul posto di lavoro è molto rigida – osserva Luigi Bacco, responsabile del Servizio prevenzione e protezione di Cia Agricoltori italiani di Torino -, pertanto è bene non farsi trovare impreparati e inadempienti in caso di verifica da parte delle autorità preposte al controllo».

Su questo fronte, gli uffici di Cia Torino hanno organizzato un servizio di informazione e assistenza agli imprenditori agricoli che intendano valutare la situazione della propria azienda e mettersi in regola.

«Il primo aspetto che va considerato – osserva Bacco – riguarda la valutazione del rischio. Bisogna esaminare l’attività aziendale nel suo complesso, individuando gli elementi di criticità. E poi dedicare attenzione alla formazione generale e specifica dei singoli operatori, tenendo conto dei macchinari e dei processi produttivi impiegati dalle maestranze. Tutto ciò risponde a precise normative, che vanno conosciute e applicate con responsabilità, in primo luogo per lavorare in sicurezza, oltre che per evitare le multe».

Nello specifico, il Servizio di prevenzione e protezione di Cia Torino (telefono: 011.6164265 – 338.6532717; e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.) è a disposizione per sopralluoghi in azienda, consulenze burocratiche e corsi di formazione.

  

Ecco cosa bisogna avere a portata di mano in caso di controllo

DOCUMENTI OBBLIGATORI RICHIESTI ALLE AZIENDE AGRICOLE

 -      Valutazione del rumore e delle vibrazioni (aggiornamento ogni 4 anni)

Titolo VIII del D. Lgs. 81/08 

-      Valutazione del rischio chimico (utilizzo di prodotti fitosanitari, solventi, disinfettanti per ambienti…) 

        Titolo IX, capo I del d.lgs. 81/2008

-      Verbale di elezione del rappresentante dei lavoratori per la sicurezza (Rls) o nomina del Rls territoriale.

-      Verifica periodica della messa a terra (2 anni per le aziende agricole)

-      Nomina del medico competente, protocollo sanitario.

-      Attestazione di avvenuta formazione dei dipendenti ai sensi dell’accordo Stato Regioni del 21 dicembre 2011 (Formazione generale e specifica) e dell’accordo Stato Regioni del 22 febbraio 2012 (Abilitazione all’utilizzo in sicurezza dei macchinari e delle attrezzature)

-      Attestazione di avvenuta formazione del responsabile del Servizio prevenzione e protezione (5 anni),addetto incendio (3 anni), addetto primo soccorso (3 anni)

-      Cisterne gasolio: nuove regole del Ministero dell’Interno del 22 novembre 2017

-      Verifica degli ambienti sospetti di inquinamento e confinati D.P.R. 177/2011.